Amati e non armati

amati non armati (colored)
DOMENICA 22 novembre 2015
Cristo Re

In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?».
Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù».
Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».
(dal Vangelo di Giovanni 18,33-37)

Quale è la risposta al terrore di questi giorni, che sembra davvero infiammare le nostre strade europee mentre già brucia da tempo in altre parti del mondo?
Dietro il paravento di motivi religiosi, si intravedono i veri motivi che alimentano la violenza, e ancora una volta è la sete di denaro e di potere, il vero anti-Dio nel cuore dell’uomo.
La lotta tra bene e male non si gioca nei cieli o nell’inferno, ma sui sulla terra, tra gli uomini e dentro gli uomini stessi.
Il dialogo/confronto tra Pilato e Gesù, uno sul seggio del potere e l’altro incatenato, uno libero di fare quel che vuole della vita degli uomini e l’altro in balia del volere del popolo, ci costringe ad andare oltre le apparenze.
Chi è veramente libero e regnante nel mondo? Gesù alla domanda “tu sei re?”, risponde di si. Lui è veramente un re della terra, non con il potere delle armi e i simboli di chi comanda e opprime, ma con i simboli dell’amore e con il potere del servizio. Gesù in catene davanti a Pilato è libero da quello che veramente schiavizza l’uomo, cioè l’odio e la divisione.
Gesù è venuto nel mondo, come dice lui stesso, per rendere testimonianza a questa verità, cioè Che Dio è amore, che regnare è servire, che dare la vita non è perderla ma guadagnarla. Questo è il nostro re, Gesù.
Sta a noi decidere da chi farci guidare e a quale regno umano appartenere: quello di Pilato o quello di Gesù. La nostra vita ci insegna che siamo un po’ in mezzo a questi due regni e continuamente abbiamo bisogno di imparare e decidere da che parte stare. Gesù, re dell’universo e re del nostro cuore, con pazienza, amore e misericordia continua ad offrirsi a noi nel nostro cammino su questa terra, segnata dalle violenze disumane dei regni umani ma che ha sempre spazio per il regno di Dio, che unisce gli uomini e li mette ciascuno al servizio dell’altro, non armati ma amati.

Giovanni don

  1. Giuseppe
    novembre 24th, 2015 at 09:44 | #1

    Gesù, re dell’universo e re del nostro cuore, con pazienza, amore e misericordia continua ad offrirsi a noi nel nostro cammino su questa terra, segnata dalle violenze disumane dei regni umani ma che ha sempre spazio per il regno di Dio, che unisce gli uomini e li mette ciascuno al servizio dell’altro, non armati ma amati.

    Giusto, don Giovanni. Verrebbe da dire quando un piccolo, quasi insignificante dettaglio, possa fare la differenza. In questo caso, una lettera, la "r". Quella "r" che fa la differenza tra le parole "armati" e "amati". Quella "r" che fa la differenza tra un mondo di odio e di sofferenza e un mondo di amore e di pace. Quella "r" che fa la differenza tra quella minuscola a indicare i regni fugaci e fallaci della Terra, spesso e volentieri intrisi di violenza, e l'unico grande Regno al quale dobbiamo ambire, che è il Regno di Dio, giustamente indicato dalla "R" maiuscola. Quella "r" che fa la differenza. Quella "r" siamo noi. Noi possiamo fare la differenza nel bene e nel male. Che il Signore ci aiuti a rendercene conto. 

  2. Paolo
    novembre 19th, 2018 at 10:05 | #2

    Commento molto bello! Lo pubblicherò sul sito della mia parrocchia. Paolo.

  1. No trackbacks yet.

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

*