come una musica in testa

DOMENICA 2 maggio 2021

V di Pasqua

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da sé stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

(dal Vangelo di Giovanni 15,1-8)

“Sarà capitato anche a voi di avere una musica in testa…” Iniziava così la canzone “Zum Zum Zum”, sigla di “Canzonissima” del 1968.

E devo dire che spesso capita anche a me fin dal mattino di avere per tutto il giorno martellante per la testa il ritornello di qualche canzone. Nasce spesso da qualcosa che ho visto e che mi ha fatto pensare, e che trova in una canzone una specie di “assonanza”.

Quando ho letto il passaggio del Vangelo di questa domenica nel quale Gesù dice “Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi…” mi sono chiesto: quanto le parole di Gesù sono dentro di me, nella mia testa e nelle mie azioni? Oppure sono altre parole e altri insegnamenti che non centrano con il Vangelo a trovare spazio dentro di me e a guidarmi come cristiano?

Quanto è forte e vero il legame tra me e Cristo? E come posso verificare se non è solo un legame superficiale e di facciata, dettato dalla tradizione e solo dal contesto sociale?

L’immagine che Gesù usa nel Vangelo, quello della vite e dei tralci, è davvero efficace per comprendere il legame tra me e Gesù, tra tutti i cristiani e Cristo stesso.

Quando visito un vigneto posso vedere la punta di un tralcio e magari un bel grappolo d’uva che pende, pronto per essere raccolto. Non sempre è immediato capire da quale vite parte quel tralcio che si allunga nei filari e i grappoli appesi, ma se non è secco e se il frutto c’è, allora significa che la linfa scorre e il legame con la base della pianta è solido e sano. E so che se il contadino che cura la vigna è bravo e attento, farà in modo che ogni singola vite e tutti i tralci che partono da essa siano sani e fruttuosi.

Gesù si rivela come la vite, quindi come parte iniziale della pianta che si prolunga e fa frutto nei tralci, cioè in coloro che lo seguono e lasciano scorrere in loro le sue parole e il suo esempio. Gesù rimane e vive dentro la vita dei suoi amici. Gesù continua a vivere e a portare frutto, lungo i “filari” del tempo e del mondo, nella vita e nei frutti dei suoi discepoli che rimangono legati a lui. E Dio Padre, come buon agricoltore, farà di tutto perché questo legame non si spezzi l’umanità muoia senza amore.

Se la mia vita comincia a seccarsi nel cuore e non riesce a dare più frutti di amore, questo significa che se anche mi definisco cristiano, in realtà qualcosa si è spezzato nel legame con Cristo, e la sua vita non scorre più dentro la mia, le sue parole non scorrono nella mia mente e nel mio cuore e non danno frutto.

Questo può succedere in me, singolo cristiano, ma anche nella comunità e nella Chiesa. Quanti “tralci secchi” senza frutti buoni ci sono lungo la storia della Chiesa e anche quella umana! Quanti tagli e potature abbiamo capito di dover fare per poter far si che il frutto buono del Vangelo arrivasse anche oggi e non venisse meno nell’umanità. La Buona notizia è che la vite è sempre Cristo, che è piantato dentro il terreno della storia, quindi la pianta dell’Amore di Dio è buona e sana. Ma è anche un invito a non spezzare da parte nostra quel legame, ma al contrario a rimanere nel suo amore e far scorrere le sue parole in noi.

Abbiamo quindi bisogno di ascoltare e riascoltare le parole del Vangelo. Come cristiani abbiamo il bisogno (non dico dovere… per non rischiare di farne un discorso moralistico) di conoscere e meditare il Vangelo, attraverso la lettura, la preghiera la celebrazione comunitaria. E abbiamo il bisogno di tradurlo in vita, in scelte piccole e grandi che fan si che quelle parole e quella presenza ci riportino alla sua origine, il Cristo vivente.

Quante volte le parole del Vangelo ci girano in testa come una canzone?

Giovanni don

  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

*