l’abbraccio provocatorio di Gesù


DOMENICA 23 settembre 2012

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo.
Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?». Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti».
E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».
(dal Vangelo di Marco 9,30-37)

Quello che più mi ha colpito del viaggio in Terra Santa, fatto con i giovani nel mese di agosto, non è stata la visita ai luoghi tradizionali e archeologici della vita di Gesù. Sicuramente il Santo Sepolcro, la basilica dell’annunciazione, la Basilica della natività a Betlemme ecc, hanno il loro fascino, e visitandoli è suggestivo leggere e meditare i brani del Vangelo che in quei luoghi sono ambientati.
Ma, come spesso accade anche nella vita, sono stati alcuni luoghi a margine che hanno attratto la mia emozione e la mia attenzione spirituale.
Uno di questi sta proprio alle spalle dell’antichissima basilica che ricorda la nascita di Gesù a Betlemme. Si tratta di una casa per bambini disabili che un gruppo di giovani suore sudamericane ha aperto da non molti anni. Il progetto è molto ambizioso e più grande dei mezzi economici che loro hanno a disposizione. Si tratta di dare una casa e una famiglia per sempre a bambini che sono stati definitivamente abbandonati dalle loro famiglie perché portatori di disabilità molto forti. Queste suore, insieme a dei volontari, hanno iniziato con poche stanze e pian piano hanno costruito una casa che è ancora stretta per i 21 bambini che ospita. Ma la fede e il coraggio di queste suore sono più grandi delle difficoltà economiche e ambientali, in quella terra segnata da tensioni religiose e politiche.
Il nostro gruppo di giovani pellegrini ha visitato questa casa e ha incontrato la piccola comunità. Per me è stato molto toccante vedere come la suora, che ci spiegava la vita della casa, abbracciasse le giovani fragili creature che abitano li. Ho ripensato a lei per immaginare l’abbraccio che Gesù dà al bambino del Vangelo. Gesù lo prende e lo mette in mezzo al gruppo degli apostoli che è perso nel discutere sulla grandezza umana dell’uno rispetto all’altro. Gesù compie questo gesto profetico ed educativo insieme, perché vuole educare i suoi umanissimi apostoli a pensare e agire in modo diverso e nuovo.
Gesù parla di croce, di vita donata, di coraggio e amore… e loro parlano di chi è il più grande e con quali gerarchie costruire il futuro gruppo dei discepoli. C’è davvero una gran distanza tra il maestro e i suoi discepoli. E questa distanza ancora oggi non è colmata nella Chiesa e dentro di noi, in qualsiasi contesto umano viviamo. Credo davvero che la Chiesa abbia il compito profetico di educare il mondo a rovesciare le gerarchie per mettere al centro chi è piccolo e fragile.
Gesù è abbastanza chiaro: chi vuole avere a che fare con lui e vuole essere suo discepolo, allora deve iniziare dal basso e nel basso rimanere. Ogni volta che un discepolo cerca di porsi in onori e potere più in alto di altri corre il rischio concreto che arrivando al potere, nel contempo perda l’obiettivo che è stare con Gesù e dalla parte di Dio.

Quella suora che abbraccia il bambino disabile in quella piccola casa di Betlemme mi ha dato l’immagine più vera e concreta di chi era Gesù e del suo stile di fare. Posso dire di aver visto davvero Gesù e di aver imparato la lezione su quello che posso essere io personalmente e noi come discepoli di oggi.

Giovanni don

  1. Francesco B
    settembre 24th, 2012 at 07:29 | #1

    “Si tratta di dare una casa e una famiglia per sempre a bambini che sono stati definitivamente abbandonati dalle loro famiglie perché portatori di disabilità molto forti. ”

    Da noi, ovviamente i senza Dio man anche molti buoni cattolici, si battono affinché entrino in vigore le DAT che daranno il potere di vita e di morte al tutore di un disabile.
    Il tutto condito da espressioni tipo “pietà” “dignità di vita” …

    Beppino Englaro docet!

    Grazie Don per averci ricordato che non è quella la strada ma la strada sono le suorine (… ricorda qualcosa? … sempre donne e sempre suore) che con amore si prendono cura di chi è veramente ultimo degli ultimi.

    Grazie Don!

  2. Francesco B
    settembre 24th, 2012 at 07:30 | #2

    E soprattutto: grazie SUORE!

  3. Dario
    settembre 24th, 2012 at 21:48 | #3

    Guardando la vignetta mi par di vederne un’altra… di Pirandello: “Questa sera si recita a soggetto”. Recitano gli Apostoli a chi è o sarà il più grande.
    Ma se si fossero recati dietro la basilica che “ricorda la nascita di Gesù” si sarebbero resi conto che anche lì è stata ambientata una recita a soggetto: SERVIRE!
    Capisco che per gli Apostoli è difficile capirlo se continuano a vedere le parole di Gesù come la recita del Vangelo, copione ambientato nella Palestina tra Betlemme, Gerusalemme e zone circostanti.
    E se, invece, il Vangelo fosse ambientato… nell’eternità?

  4. Giuseppe
    settembre 25th, 2012 at 10:41 | #4

    Dici benissimo, don Giovanni. “Gesù è abbastanza chiaro: chi vuole avere a che fare con lui e vuole essere suo discepolo, allora deve iniziare dal basso e nel basso rimanere. Ogni volta che un discepolo cerca di porsi in onori e potere più in alto di altri corre il rischio concreto che arrivando al potere, nel contempo perda l’obiettivo che è stare con Gesù e dalla parte di Dio”. Lasciamo da parte ogni prerogativa umana, ogni desiderio di possesso e di prevaricazione. Perchè sono incompatibili con la volontà di seguire Gesù. Ed il bellissimo esempio che ci hai raccontato nell’articolo ci dimostra come seguire Gesù in questo periodo non è certamente semplice, ma sicuramente NON è IMPOSSIBILE. Che il Signore rafforzi sempre di più la nostra Fede per seguirLo sempre di più e sempre con gioia.

  5. giugno 21st, 2013 at 07:49 | #5

    when the drinking water windows as part of the position should really prevent overfilling, I need to acknowledge which definitely one sleepy morning I was not paying focus and additionally forgot that
    I had already blessed it with liquid the evening
    before. Exactly what is the best drink of coffee without the great coffee maker?
    When you are taking the efforts to choose out the best top quality of coffee beans, take a look
    at your chosen roast, and locate the most perfect mixes, you really need to uncover a coffee maker which one will .

  1. No trackbacks yet.

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.