a Natale Gesù muore…

Natale 2012 (colored)
25 dicembre 2012
Natale del Signore

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.
Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.
Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.
C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».
E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:
«Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».
(dal Vangelo di Luca 2,1-14)

La mia preparazione al Natale quest’anno è stata quanto mai imprevista in tutto quello che mi è accaduto.
10 giorni fa un carissimo amico sacerdote, don Fabiano, è morto improvvisamente, lasciando un vuoto incolmabile non solo nella sua famiglia e nella sua comunità (specialmente nei giovani che lo amavano), ma anche in me. I giorni successivi, tra veglie di preghiere, visite alla famiglia, colloqui con i tanti giovani e adulti colpiti e infine anche il funerale, sono stati davvero intensi e molto difficili. Tutto quel che mi accadeva sembrava portarmi lontano anni luce dal Natale, sia nel clima di festa che non c’è più nel cuore, sia nei contenuti. Il Natale celebra la nascita di Gesù con tutta la gioia di un bambino che viene al mondo. Io invece mi sono trovato faccia a faccia con la morte e il lutto.
Natale rovinato?
Due avvenimenti mi hanno fatto ripensare il tutto, e mi hanno dato una chiave di lettura nuova che forse non solo salva il Natale, ma mi porta a viverlo in modo più vero e spiritualmente fecondo.
Il primo avvenimento è stata l’omelia che il parroco del mio amico defunto ha pronunciato alla messa del settimo (messa che si celebra dopo 7 giorni dalla morte). Davanti all’assemblea che riempiva ancora una volta tutta la chiesa ha avuto il coraggio di parlare di vita e di nascita. Per i cristiani la morte è la nascita al cielo. Da sempre i credenti in Cristo vedono la morte come il passaggio alla vita eterna e non la fine di tutto. Questo mio carissimo amico non è morto ma è rinato al cielo, e la vive in Dio in attesa che anche tutti noi facciamo questo passaggio “rinascendo” in cielo. La morte fisica ha solo modificato il modo di stare con lui, ma non ha spezzato il legame di affetto.
Queste parole, il parroco don Giorgio, le ha pronunciate, non con la freddezza di chi deve dire qualcosa per contratto di lavoro, ma con il calore di chi ci credere e di chi vuole che in questa fede trovi pace nel dolore.
Il secondo avvenimento è di questa mattina, la vigilia di Natale. Abbiamo celebrato in chiesa un altro funerale, quello di una catechista molto conosciuta e amata da tutta la comunità. La nostra chiesa era davvero strapiena. Un suo parente alla fine della messa mi avvicina e mi dice: “Hai visto? La Chiesa era piena che sembra la messa della notte di Natale”. Ha ragione!
Stamattina abbiamo celebrato una morte e questa sera celebreremo una nascita… Oppure è il contrario, o la stessa cosa? Se la morte per il cristiano è la nascita al cielo, allora quel funerale, come quello di don Fabiano sono state due celebrazioni di nascite, di una nuova vita. E quando celebriamo la nascita di Gesù, in fondo celebriamo la sua morte, perché dal momento che viene nel mondo, inizia un percorso segnato fin dall’inizio dalla sua fine in croce. Non a caso in molte icone che rappresentano la scena della nascita di Gesù, il bambino viene dipinto avvolto in fasce come fosse un morto, e la mangiatoia appare sempre più come una tomba aperta.
Ecco dunque il Natale cristiano. E’ Dio che muore nel mondo per farci comprendere che la nostra vita è aperta alla vita eterna. La scelta di nascere come essere umano limitato e mortale, rende Dio davvero solidale con tutti noi che facciamo spesso improvvisamente i conti con la morte e il nostro limite.
Davanti al presepe, guardando il bambin Gesù, penso a tutti coloro che sono morti fisicamente, ma che nello spirito sono nati al cielo, che nell’abbraccio di Dio aspettano anche me e tutti noi.
Davanti alla scena del Natale voglio ritrovare pace dalle mie tristezze, e invoco pace anche per le tristezze di chi sta vivendo quest’anno come me un Natale così difficile.
Non mi trovo dunque più a disagio se penso a Gesù che nasce. Forse il clima zuccheroso e a tratti un po’ superficiale con il quale ho vissuto in passato altri Natali meno problematici, lascia il posto quest’anno ad un Natale dove la fede è più profonda perché messa alla prova.
Gesù muore nascendo… e noi morendo, nasciamo in Dio.

Giovanni don
12-nativita

Giro a tutti questo pensiero e augurio di un amico che trovo davvero profondo ed evangelico:

“Quest’anno ho avuto la fortuna di conoscere persone speciali. Per me la persona è speciale quando si mette al tuo pari, quando accetta tutto di te, così facendo ti disarma e ti lascia libero di dire e fare ciò che si vuole! Dio ha scelto di abbandonare la sua regalità per mettersi alla pari con me, come posso rimanere indifferente ad un gesto d’amore senza precedenti? BUON NATALE A TUTTI!”

  1. Glen7
    dicembre 25th, 2012 at 21:35 | #1

    “Forse il clima zuccheroso e a tratti un po’ superficiale con il quale ho vissuto in passato altri Natali meno problematici, lascia il posto quest’anno ad un Natale dove la fede è più profonda perché messa alla prova.
    Gesù muore nascendo… e noi morendo, nasciamo in Dio.”. E’ vero, don Giovanni. Innanzitutto Auguri di Buon Natale, anche e soprattutto quest’anno visti i recenti avvenimenti. Anche io, nel mio piccolo, sto affrontando una prova (certamente però molto meno grave della tua) e, sembra strano, forse ho sentito più “mia” la Rivoluzione del Natale, Dio che si fa Uomo. Mi sono infatti detto, se Dio ha accettato di farsi Uomo e di accollarsi tutte le difficoltà e le tribolazioni dell’Umanità, fino ad arrivare alla Croce, sicuramente mi può capire nel periodo della prova, perchè Lui ha passato ogni prova umana. E non c’è nessuno che, quando affronti una prova, ti può capire meglio di chi questa prova l’ha già affrontata. E non solo ti capisce, ma soprattutto ci è sempre accanto. Perciò, voglio alimentare sempre la mia Fede in Lui, anche e soprattutto nelle difficoltà. Se la prova mi serve per avvicinarmi a Lui, beh, che sia benedetta. Ancora Tanti Auguri.

  2. stefano
    dicembre 25th, 2012 at 22:47 | #2

    …grazie Don per questa intima e bella riflessione….

    Buon Natale

    Stefano, Milena, Elia, Jaine

  3. fran
    dicembre 28th, 2012 at 08:49 | #3

    grazie Don per la tua riflessione.
    Vero che nel Natale giá é scritta la Pasqua,la morte non é la fine,é una porta che si apre.é un passaggio,una “pasqua” appunto.
    In Spagna,dove sto vivendo,chiamano il Natale “pascua de Navidad” e la Pasqua,”pascua de Resurreción”.
    Come se la nostra vita fosse una unica pasqua,un passagio dalla terra al cielo
    scandito nella nostra vita dai “passaggi” che Gesú ci insegna a fare fino a quell’ultimo giorno in cui Egli consegnando il regno al Padre ci introduce in quel mondo spirituale,reale ed eterno a cui ci chiama da sempre(se non fosse cosí non ci avrebbe creati)e nel quale giá sono entrati i nostri cari defunti.
    questa é la promessa di Gesú.
    LO CREDIAMO NOI?

  4. annalisa
    gennaio 2nd, 2013 at 16:13 | #4

    Rientro solo oggi. 2 gennaio, in questo blog e siccome nulla accade per caso, la data mi dà l’occasione per un ricordo, sperando di non essere inopportuna.
    Esattamente 5 anni fa , a Tabga, mi colpì un presepe allestito nella parte sinistra della chiesa, in una stanza a parte.
    In primo piano le statue in legno d’ulivo della Santa Famiglia. Nello sfondo il tabernacolo e, ad unire il tutto, una striscia di stoffa scura, come una strada. Mi sembrò il cammino dal Natale alla Pasqua di Resurrezione.

    Che il 2013 sia per tutti migliore dell’anno appena trascorso.

  5. Francesco B
  6. Francesco B
    gennaio 3rd, 2013 at 23:28 | #6

    I miei auguri di Natale con le parole di Madre Teresa

    “E’ Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano.
    E’ Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro.
    E’ Natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società.
    E’ Natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale.
    E’ Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza.
    E’ Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri”

    Ed un GRAZIE per l’anno che abbiamo trascorso assieme qui sul blog
    con un bellissimo tesoro della nostra Tradizione.

    http://youtu.be/BLbNyE_AgGc
    [Gregorian chant – Te Deum]

    Ecco… forse è un esempio di cosa sia “la riforma nella tradizione” proposta dai documenti promulgati dal Concilio Vaticano II
    🙂
    … ed in fondo è anche un obiettivo di questo blog.

    Un abbraccio a tutti.
    Francesco

  1. No trackbacks yet.

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

*