la strada in salita

annunciazione madonna sbagliata(colored)
DOMENICA 21 dicembre 2014
Quarta di Avvento

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.
(dal Vangelo di Luca 1,26-38)

Per scendere tra gli uomini, Dio ha scelto una strada tutta in salita. Ma si è rivelata la strada migliore, quella preferita da Dio.
Già Nell’annunciazione narrata da Luca vediamo le scelte difficili e originali che Dio ha fatto, e che possono essere una luce anche per le nostre scelte di fede e di vita.
Prima di tutto la “location” dell’evento che vede l’ingresso fisico di Dio dentro al storia umana: Nazareth di Galilea.
Nazareth tra tutte le città e villaggi che ci sono nella Bibbia non è mai citata, perché in fondo è solo un villaggio piccolo e povero, con le case mezze scavate nella roccia; e per di più si trova in Galilea, cioè nella regione a nord di Gerusalemme, che non gode certo di una bella fama tra gli ortodossi della tradizione religiosa ebraica. E’ un luogo di confine con altre popolazioni, culture e religioni, con tutti i rischi di contaminazione religiosa e tensione sociale. I galilei infatti sono visti come popolazione mediamente rissosa e turbolenta. Gesù da adulto infatti verrà visto in modo negativo dal potere religioso centrale proprio per la sua provenienza (nel Vangelo di Giovanni 1,46 si legge: “Natanaele gli disse: «Da Nàzaret può venire qualcosa di buono?»”)
Ecco la prima “salita” che sceglie Dio per scendere nell’umanità.
Ma anche la seconda non è da poco per chi conosce bene la storia biblica e i suoi personaggi.
Maria è il nome di colei che è scelta per diventare madre del Figlio di Dio. Questo nome che a noi suona tanto bello e pieno di dolcezza legata proprio alla Madonna, in realtà nella storia biblica è associato a sfortuna e punizione da parte di Dio, avendo questo nome proprio la sorella di Mosè, punita da Dio con la lebbra. Mai nella Bibbia il nome Maria è associato a personaggi positivi e testimoni di Dio.
Dio sceglie proprio questa donna dal nome sfortunato, in un luogo malfamato ai confini del mondo e in un villaggio senza fama religiosa, e le consegna una vocazione piena di rotture con il passato, a cominciare proprio dal nome del nascituro che sarà imposto da lei e non dal padre, come vorrebbe la tradizione (“lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù”).
Ecco la difficile strada scelta da Dio, che però ha intravisto proprio in questa strada la via giusta per arrivare all’umanità. Infatti Maria di Nazareth in Galilea accetta la sua missione sentendosi serva di Dio, cioè capace di fare la sua parte nella strada della Salvezza, che incrocia proprio la sua piccola strada umana invece di passare dalla strada più ovvia di Gerusalemme il grande centro religioso della Giudea, pieno di uomini pii (i farisei) ed esperti della religione (i scribi).
Gesù nasce in salita, proprio come sono le nostre storie personali le storie di molti accanto a noi, piene cioè di contraddizioni e di piccole e grandi incoerenze.
L’annunciazione così come viene raccontata è davvero la rivelazione dell’immenso amore che Dio ha per l’umanità e la profonda fiducia che Lui ha anche per quello che umanamente sembra perduto e inutile.
Il racconto dell’incontro dell’Angelo Gabriele (che in ebraico significa Forza di Dio) con Maria è un invito ad avere anche noi questa fiducia di Dio, verso noi stessi e verso il mondo che ci circonda, che sembra così vuoto di Dio e lontano. Dio continua a scegliere la Galilea, cioè i confini dell’umanità, per dialogare e per cercare collaborazione per il suo piano di salvezza. Cerca anche me e anche te, e anche colui e colei che accanto a noi due ha desiderio di fare qualcosa per il mondo, ed essere segno di speranza.
“Nulla è impossibile a Dio”, dice l’Angelo a Maria. Lo suggerisce anche al mio cuore, e al cuore di tutti noi che hanno il nostro stesso compito di essere testimoni di Dio in questa Galilea del mondo dove viviamo.
E come ha fatto Maria, questa donna apparentemente insignificante, anche noi possiamo dire “Eccomi!”… Ci sono anche io, posso farcela… Dio, conta anche sul mio aiuto su questa strada in salita che hai scelto per venire accanto a ogni uomo.

Giovanni don

  1. Francesco B
    dicembre 22nd, 2014 at 08:39 | #1

    ““Nulla è impossibile a Dio”, dice l’Angelo a Maria. Lo suggerisce anche al mio cuore, e al cuore di tutti noi …”

    Bellissimo, … e fortissimo messaggio.
    Ma ci crediamo per davvero? O ci sembra impossibile, per cui poi ci aggiungiamo un “si va beh, poi pero’ non sono un ingenuo, … devo piacere al mondo, … e se no come ci parlo di … e quindi …”

    No, perchè a seguire il messaggio: “Nulla è impossibile a Dio”
    che è in effetti rivolto “al cuore di tutti”


    ebbene

    E’ rivolto anche alla cantante!
    🙂

    Non sarebbe il primo artista nella storia a convertirsi.

    Gli artisti, come il nostro Don, hanno ricevuto un dono dal Signore.
    Il dono di poter parlare al cuore delle persone parlando tramite le arti figurate.
    Che potenza che c’è nelle loro mani!

    Gli Auguri “scomodi” che faccio al mio caro Don Gioba, è che non faccia la fine del personaggio Sansone, anche lui ricevette un dono, con il quale poteva fare grandi cose, … ma lo spreco` … e solo molto tardi se ne rese conto.

  2. dicembre 22nd, 2014 at 16:25 | #2

    … ehi Francesco, ma il tuo riferimento a Sansone, il personaggio biblico dalla lunga chioma, è ironico?… io quel dono l’ho perso da un bel po’ di tempo 🙂

  3. Giuseppe
    dicembre 23rd, 2014 at 21:15 | #3

    “Nulla è impossibile a Dio”, dice l’Angelo a Maria. Lo suggerisce anche al mio cuore, e al cuore di tutti noi che hanno il nostro stesso compito di essere testimoni di Dio in questa Galilea del mondo dove viviamo.
    E come ha fatto Maria, questa donna apparentemente insignificante, anche noi possiamo dire “Eccomi!”… Ci sono anche io, posso farcela… Dio, conta anche sul mio aiuto su questa strada in salita che hai scelto per venire accanto a ogni uomo”. Vero, don Giovanni. Leggendo questo passo del Vangelo, la prima cosa che mi è venuta in mente è stata: “Se Dio mi chiede di aiutarLo in qualche modo, potrò io mai avere la stessa solerzia e la stessa tenacia nel rispondere che ha avuto Maria?” E’ una domanda alla quale non ho trovato una risposta adeguata. Forse perché una risposta non esiste. Nel senso che esistono più e più risposta. La vita di ognuno di noi è una risposta a questa domanda. E che il Signore ci faccia essere risposte convincenti.

  4. Clotilde
    dicembre 28th, 2014 at 09:07 | #4

    Don Giovanni, grazie a Dio hai perso la chioma, non il vero dono, quello del disegno e della parola!
    Grazie per quello che fai e tutti gli auguri che posso (anche quelli di buon onomastico che avrei dovuto farti ieri)!

  5. Francesco B
    gennaio 20th, 2015 at 10:22 | #5

    Concordo con @Clotilde!
    🙂

  1. No trackbacks yet.

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

*