La Chiesa nella casa di Elisabetta

fine del mondo e Dio (colored)
DOMENICA 23 dicembre 2012
Quarta di Avvento

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
(dal Vangelo di Luca 1,39-45)

Un amico qualche giorno fa si è un po’ sfogato con me e mi ha detto: “A Natale non ci vado a Messa!… non mi riconosco nella Chiesa e posso vivere il mio rapporto con Dio anche fuori”.
Da quel che mi ha spiegato la sua è una vera e propria protesta perché non si sente d’accordo con quel che viene detto specialmente dai suoi vertici, ma anche dai suoi rappresentanti locali, in parrocchia.
La prima cosa che mi è venuta da dirgli non è stato certo un “no, non devi!”, ma un sincero “mi dispiace…”, e poi abbiamo parlato un po’ di questo suo disagio. Penso che in questa condivisione libera e sincera di esperienze abbiamo fatto comunque una bella esperienza di comunità.
Non so se andrà a messa, non solo a Natale ma anche le altre domeniche, e se dunque porterà a compimento il suo desiderio di uscita, certo è che la cosa mi ha fatto pensare alla luce della scena descritta da Luca nel suo Vangelo.
Non siamo certo dentro la storia della prima comunità cristiana, anche perché Gesù deve ancora nascere, morire e risorgere, e manca ancora l’effusione dello Spirito Santo sugli apostoli nel cenacolo.
Eppure la prima comunità cristiana che sente questo racconto della visitazione può specchiarsi e vedere la propria esperienza.
Due donne raggiunte in modo speciale e unico da Dio, si ritrovano insieme nella normalità della loro vita. Non sono nel Tempio, ma in casa, e fanno quello che è normale per due parenti che si ritrovano a farsi visita: il saluto, l’accoglienza in casa e il dialogo.
Da lontano un passante distratto non vedrebbe nulla di insolito che possa attirare la sua attenzione e stupirlo. Ma l’evangelista Luca ci fa avvicinare e ci fa ascoltare il dialogo tra Maria ed Elisabetta.
Si stanno reciprocamente comunicando l’esperienza di Dio. Elisabetta con le sue parole piene di entusiasmo e con un moto di slancio che l’evangelista pennella benissimo con il suo scritto, da’ a Maria un secondo annuncio di quel che le sta accadendo. Se l’esperienza dell’Annunciazione dell’angelo è stato un momento personalissimo e privato di Maria, ora qui diventa esperienza e conferma comunitaria. Elisabetta conferma quel che Gabriele ha detto alla giovane di Nazareth: lei sarà madre del Signore ed Elisabetta ha ricevuto il dono della maternità anche se tutti la dicevano sterile. Davvero nulla è impossibile a Dio!

    Il brano riportato oggi dalla liturgia non riporta le parole di Maria immediatamente successive, che sono il cantico del Magnificat, ma possiamo vedere nella preghiera di Maria ricolta a Dio una risposta per Elisabetta. Maria ed Elisabetta si sintonizzano in breve tempo su Dio che per entrambe ha avuto uno sguardo speciale. Queste due donne insieme in quella normalissima casa, nella regione montuosa fuori di Gerusalemme, fanno esperienza di comunità vera.
    La conferma più evidente che stanno facendo esperienza di Dio è proprio la gioia profonda che pervade la scena e nasce da dentro le due protagoniste. Elisabetta sente addirittura il bambino nel grembo che sussulta di gioia al solo suono della voce di Maria. Questa gioia profonda nasce e rimane in quella piccola casa tra quelle due donne che saranno chiamate a sfide e sofferenze non piccole nel loro futuro e nel futuro dei loro figli.
    Ecco quindi la Chiesa: una comunità che si ritrova nella normalità della vita. I primi cristiani, specialmente fuori dal mondo ebraico, si radunavano infatti nelle case e non nei sontuosi e solitari templi pagani. L’esperienza della fede è rafforzata e confermata dalla condivisione, con il proposito di non giudicarsi mai, ma nel “gareggiare nella stima reciproca” (come dice San Paolo). La comunità ha il compito di confermare l’esperienza personale di fede. Senza comunità c’è il rischio forte di disperdere e di non trovare il senso di quello che Dio in modo misterioso comunica. La fede non si può che vivere nella comunità, e questa non deve schiacciare e limitare il singolo, ma aiutarlo ad armonizzarsi con gli altri, rimanendo se stesso e mai “incasellato” come fosse una truppa di militari.
    La gioia profonda è la conferma che la comunità funziona e sostiene i singoli che la compongono. Una gioia che qualche volta sale in superfice ed è fatta di canto, festa e allegria, ma che anche nel dolore e nelle difficoltà rimane nel profondo come senso di appartenenza a Dio e senso della sua presenza in ogni situazione. Una comunità che non comunica questa gioia è una comunità che si sfalda e addirittura porta lontano da Dio.
    Questo mio amico, come tanti altri che conosco, sentono la Chiesa non più come una comunità dove sentirsi accolti nella loro esperienza di fede, e invece del clima di gioia sentono un clima di giudizio. In altre parole sentono che la Chiesa non ha il clima della casa di Elisabetta. A me dispiace questo, perché personalmente sento che la mia esperienza di Chiesa è invece proprio quella descritta da Luca. Sento anzi che il mio compito (che è in fondo di ogni cristiano) è di collaborare perché la comunità dei credenti costruisca una comunità così, dove la porta è sempre aperta senza paure ed esclusivismi, e dove lo stare insieme promuove la fede di ciascuno nella gioia.

Giovanni don

  1. Sergio
    dicembre 23rd, 2012 at 08:55 | #1

    Leggendo il tuo commento mi è balzato alla mente la comunità dove faccio un cammino di fede e vivo sulla mia pelle (sono solo, vivo solo)loro sono molto lontani da me cerco di dare un motivo a questo e non lo trovo. Non telefonano mai
    non un accenno di saluto come quasi fossi messo fuori. sono molti anni che la frequento ogni Natale è la stessa cosa. La comunità dovrebbe riflettere l’Amore di Dio . ma non è così .Grazie

  2. Clotilde
    dicembre 23rd, 2012 at 18:48 | #2

    Purtroppo capisco bene quello che prova il tuo amico.
    Frequento la stessa comunità da 40 anni, forse non sono mai stata la persona meglio inserita, ma finché sono stata in grado di muovermi autonomamente partecipavo attivamente alla vita della comunità parrocchiale.
    Poi è arrivata la patologia con i problemi motori e la “commiserazione” e la paura di tanti di vedermi cadere mi hanno costretto ad abbandonare quasi completamente le attività e hanno peggiorato la mia situazione.
    Continuo a frequentare la parrocchia perché mi rendo conto che qualcosa di simile accade anche ad altri, che non provano nemmeno ad affacciarsi.
    Credo di dover cercare di migliorare la sensibilità dei fratelli per quel poco che posso. Mi sbaglio? Solo Dio può dirlo!
    Per eliminare ogni equivoco: non ho 90 anni come potrebbe sembrare, ma poco più della metà!

  3. Francesco B
    gennaio 3rd, 2013 at 16:06 | #3

    “lo stare insieme promuove la fede di ciascuno”

    Caro Don,
    trovo molto vere queste tue parole.
    Sicuramente vere per me e nella mia esperienza.

    A tal proposito riporto le parole di augurio e stima che ho letto sulla bacheca Facebbok di un amico lasciategli da un suo amico.

    Le faccio mie e le rivolgo a tutti voi con i miei più sinceri Auguri.

    “Il mio ringraziamento a Dio per questo anno che se ne va è per quelle persone che sono un po’ come centri di gravità permanente.

    Son quelle persone con le quali può anche esserci differenza di vedute su robetta non negoziabile, ma delle quali sei interessato a conoscere il pensiero e le opinioni.
    Son quelle persone che, stanne certo, amano Cristo e la Chiesa Cattolica Santa Romana Apostolica. Gente con scarsa propensione ideologica, ma tanto, tanto, tanto buon senso da diritto naturale. Gente che, se non sai cosa pensare, può darti quello spunto significativo.
    Gente con cui ti interessa confrontarti.
    Insomma: cattolici. Veri.”

  1. No trackbacks yet.

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

*